La percezione della pericolosità sismica in Italia è fortemente sottostimata

0
107

In Italia la percezione della pericolosità sismica è fortemente sottostimata. Nelle zone sismiche più pericolose del nostro Paese, solo 6 italiani su 100 hanno una percezione ottimale. A dirlo uno studio firmato INGV.

Nonostante il territorio italiano sia particolarmente esposto ai terremoti, nelle zone sismiche più pericolose del nostro Paese, solo 6 italiani su 100 hanno una percezione adeguata della pericolosità sismica, quindi del pericolo presente in ogni momento sul territorio.

Sono i risultati di un’indagine condotta nel 2015 dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), in collaborazione con l’Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali del Consiglio Nazionale delle Ricerche  (CNR-IRPPS) e l’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale di Trieste (OGS) e finanziata dal Dipartimento della protezione Civile (DPC), su un campione statistico nazionale di oltre quattromila persone. Lo studio ha evidenziato che in Italia la percezione della pericolosità sismica è fortemente sottostimata.

In una scala di percezione a sette punti utilizzata nel questionario (http://www.terremototest.it) nella quale il punteggio 1 indica il valore di percezione più basso mentre il punteggio 7 indica il massimo, i risultati dell’indagine mostrano che la percezione della pericolosità sismica in Italia è in media di 3,24, con differenze non significative, da un punto di vista statistico, tra le regioni del Nord (3,20), del Centro (3,39) e del Sud e Isole (3,70).

Particolarmente preoccupante il dato che arriva dalle zone più pericolose, dove quindi è maggiore la probabilità che si verifichi un forte terremoto. Troppo poche le persone che sono a conoscenza dell’elevato pericolo. Solo il 6% ritiene di essere bene informato sui terremoti, ed il 33% “abbastanza informato”. Il mezzo di comunicazione più usato per ottenere informazioni è la televisione (37%) seguito dai giornali (22%) e dal web (21%), messaggi della Protezione Civile (7%) Enti di Ricerca ed Università (2%), Regioni, Province e Comuni (4%), Libri (4%) il restante 3% riceve informazioni da amici, familiari ed associazioni di volontariato.

Il comunicato dell’INGV con cui si informa dei risultati dello studio si conclude rilevando che meno del 5% degli intervistati ha partecipato personalmente a un’iniziativa per la riduzione del rischio sismico. “In base ai risultati dell’indagine”, afferma Massimo Crescimbene, ricercatore dell’INGV e coordinatore dello studio, “possiamo affermare che nel nostro Paese appaiono quanto mai fondamentali campagne di informazione sulla riduzione del rischio sismico, come “Io non rischio Terremoto” promossa e realizzata dal Dipartimento della Protezione Civile (DPC), INGV, ANPAS e Consorzio della Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica, in accordo con le Regioni e i Comuni interessati.

È inoltre indispensabile trasformare i progetti educativi realizzati in questi ultimi anni nelle scuole (ad esempio il Progetto EDURISK, www.edurisk.it ) in programmi permanenti, per dare vita a una generazione di cittadini più informata, consapevole e attivamente coinvolta nella riduzione dei rischi naturali”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.